CULTURA E TEMPO LIBERO

AREA Musica | ARCHIVIO

Ben Harper Bloodline maintenance

Pochi artisti hanno pur nella loro evoluzione personale una coerenza e una sincerità emotiva quale quella che troviamo in Ben Harper. Un percorso, oramai trentennale, non sempre lineare, fatta di deviazioni non sempre riuscite ma tutte improntate ad una onestà di fondo che innerva con forza ogni sua produzione musicale. E in questo ultimo album in cui praticamente suona da solo ogni strumento riprende una strada di radicalità sui temi politici e sociali oltre che su quelli intimi e personali che si colora in una mistura di soul, blues, jazz, hip-hop, folk e funky che ne rimarca la assoluta unicità nel panorama musicale.

Arcade Fire WE

Da poco uscito il nuovo album della band canadese che si conferma una delle presenze più interessanti del panorama indie/rock della scena mondiale. Un disco solido che riprende molti degli stilemi affermati del gruppo mischiandoli a nuove modalità sonore. Annunciato anche il nuovo tour mondiale che prevede una sola data in Italia, il 17 Settembre al Mediolanum Forum di Milano (con apertura del concerto della cantautrice canadese Feist)

Umbria Jazz 2022

La musica oramai vive primariamente di concerti ed eventi dal vivo e la pandemia ha avuto un effetto pesantissimo su chi di musica vive, La ripresa delle manifestazioni e festival musicali dunque segnano una ripresa necessaria alla sopravvivenza dell'ambiente e finalmente ritorna la possibilità di fruire delle emozioni di assistere ai concerti dal vivo. Inizia a delinearsi il calendario del più importante festival musicale italiano: Umbria Jazz. Con un programma (non ancora completato) di tutto rispetto che sicuramente riempirà di gioia gli amanti della musica non solo jazz (da tempo oramai si è imposto un palinsesto che spazia tra i generi,con particolare attenzione alle ibridazioni tra jazz, blues, funk, rock, musica etnica, elettronica e avanguardia financo al pop)

Eddie Vedder Earthling

Da poco uscito quello che possiamo considerare il primo vero disco da solista del leader dei Pearl Jam Eddie Vedder (le sue avventure senza la band erano state la colonna sonora del film di Sean Penn "Into the wild" e il giocoso "Ukulele songs"). Non è un capolavoro indimenticabile, ma un disco gradevole, in cui Vedder mette in fila e reinterpreta a modo sue molte delle sue ascendenze musicali, pescando influenze da artisti con cui ha duettato e flirtato, daTom Petty a Bruce Spreingsteen a Peter Gabriel, ai R.E.M. fino ai Beatles

Floating Points, Pharoah Sanders & The London Simphony Orchestra Promises

Una collaborazione tra un esponente di punta della musica elettronica inglese, un sassofonista 84nne che proviene da John Coltrane e dal free jazz e la London Simphony Orchestra produce uno dei dischi più interessanti del 2021. La critica e il pubblico si divide: chi grida al capolavoro, chi sostiene che non ci sia nulla di nuovo e che venga apprezzato perchè fa molto "intellettuale". A noi sembra un disco bellissimo.sia che lo si ascolti con attenzione immersiva, sia come sottofondo delle giornate rallentate del periodo pandemico

Radiohead Kid A Mnesia

Una strenna natalizia da parte di una rock band del passato o una operazione meta-musicale che riporta al centro uno snodo della musica di inizio millennio con un portato di visioni compositive, metafisiche e politiche che dopo vent’anni sembrano ribadite da una sorta di autoavveramento? Entrambe le cose!